Guardami! Sono una storia ... Paolo Caliari detto Veronese. Marte e Venere con Cupido e un cavallo

01
18

 

Il ciclo di mostre dossier Guardami! Sono una storia…, realizzate in collaborazione tra le Gallerie Estensi e il Laboratorio DiDiArt del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara, è giunto al terzo appuntamento. Il protagonista di questa esposizione è il dipinto Marte, Venere con Cupido e un cavallo di Paolo Caliari, detto il Veronese (Verona, 1528 – Venezia, 1588). La piccola tela, proveniente dalla Galleria Sabauda dei Musei Reali di Torino, mette in scena un momento intimo e passionale tra le due divinità. Veronese si ispira alla tradizione mitologica, reinterpretandola in chiave ironica e allegorica. I due amanti clandestini vengono interrotti dal piccolo Cupido, figlio della dea, che irrompe nella stanza portando con sé un cavallo. L’animale va interpretato come simbolo dei compiti del dio della guerra, momentaneamente trascurati per dedicarsi ai piaceri d’amore. La luce, che illumina i corpi degli amanti e il ricco ambiente in cui si trovano, mette in risalto il vivace cromatismo tipico della produzione artistica del Veronese in un inedito e raro formato di piccole dimensioni: i colori accesi e l’atmosfera mitologica, intima e licenziosa, rendono l’opera un vero gioiello, prezioso e raffinato.

Servizi

Ascensore Ascensore

Magazine

TuttiTutti

05/05/2021

L’Attila Flagellum Dei di Nicolò da Càsola e il manoscritto estense che lo tramanda

 Il poema franco-italiano Attila Flagellum Dei di Nicolò da Càsola ci presenta la figura del signore degli Unni sotto una luce molto diversa da quella...

Leggi tuttoLeggi tutto

12/04/2021

Velázquez e il ritratto di Francesco I d’Este (1638)

 Velázquez e il ritratto di Francesco I d’Este (1638) Abbiamo già parlato di Francesco I d’Este qualche mese fa, sempre qui sul nostro magazine (https...

Leggi tuttoLeggi tutto

15/03/2021

Astronomia e astrologia in un manoscritto rinascimentale

 Tra i molti tesori della Biblioteca Estense ve n’è uno assai particolare. È un piccolo manoscritto di appena 25 pagine che non contiene testi ma solo...

Leggi tuttoLeggi tutto