Mostra virtuale - La mostra infinita

Questa mostra virtuale ripercorre l'inizio della lunga storia della Biblioteca Estense, che trae il suo nucleo originario e fondamentale nella “libreria” dei marchesi d’Este.

Illustra il libro alla corte ferrarese nel Quattrocento, nelle sue molteplici tipologie, dal libro d’uso all'esemplare di dedica, dai libri d’armi e d’amore al classico umanistico.

Diversi e complementari  sono gli strumenti e le fonti che permettono di ricostruire la storia della Biblioteca: i numerosi inventari, che elencano e descrivono manoscritti che non è più possibile riconoscere e non registrano codici ancora oggi conservati; i registri d’archivio, che ci conservano i nomi di copisti, miniatori e legatori; le memorie del tempo e le dediche di poeti e letterati. Ma sono i manoscritti gli interpreti principali di questo racconto a più voci, che ha per protagoniste le collezioni bibliografiche estensi.

La mostra si apre con Niccolò III e i libri francesi, che appartengono alla tradizione del romanzo di cavalleria, di cui Ferrara diventa capitale di produzione e consumo; il percorso continua con  Leonello e  Guarino Veronese, personaggio di spicco del classicismo umanisticoe  giunge poi a  Borso e alla sua  Bibbia, il più raffinato ornamento del Signore mai realizzato in forma di libro. Il racconto si conclude con i volgarizzamenti dei classici per Ercole I e il suo Breviario, la più alta espressione della miniatura ferrarese all’inizio del secolo XVI.

Grazia Maria De Rubeis

IMMAGINE CARTOLINA

Magazine

TuttiTutti

28/10/2020

L'impronta

 La fotografia è l’impronta lasciata dalla luce su una superficie sensibilizzata. Condivide la sua natura di impronta con altre opere protagoniste del...

Leggi tuttoLeggi tutto

07/10/2020

Karen Knorr e W. Henry Fox Talbot

 In una stanza dell’Accademia Reale delle Belle Arti di Stoccolma, Karen Knorr mette in scena la declinazione femminile del mito pliniano della fanciu...

Leggi tuttoLeggi tutto

09/09/2020

La sacralità della Circoncisione

Circoncisione di GesùLuca Longhi (Ravenna, 1507-1580) Il pittore ravennate, dipinse la tavola in oggetto per la chiesa di San Benedetto di Ferrara, ne...

Leggi tuttoLeggi tutto