Concerto dedicato alla tela del Guercino - Conservatorio "G. Frescobaldi" di Ferrara

Pinacoteca Nazionale

Ferrara

Pinacoteca Nazionale Foto Silvia Gelli 20
per Tutti

 

Gallerie Estensi – Pinacoteca Nazionale di Ferrara

 Conservatorio Frescobaldi di Ferrara

 Bal’danza

 

 “ET IN ARCADIA EGO”

 Concerto dedicato alla tela di Guercino esposta in Pinacoteca

all’interno della rassegna “Guardami! Sono una storia…”

 

Venerdì 26 febbraio, alle ore 16.00, nel Salone d’Onore della Pinacoteca Nazionale di Ferrara, il Conservatorio Frescobaldi eseguirà un concerto di musica barocca dedicato alla tela di Guercino “Et in Arcadia Ego”, esposta all’interno del museo ferrarese in occasione del progetto “Guardami! Sono una storia…”, realizzato in collaborazione con l’Università di Ferrara.

 

Il concerto, realizzato con la collaborazione dell’AssociazioneCulturale Bal’danza, fa parte di un progetto che, a partire dalla tela di Guercino, si rivolge agli studenti del Conservatorio, invitandoli a comporre una partitura che sia ispirata ai temi contenuti nel dipinto, riletti in chiave contemporanea.

Il commento musicale al dipinto è duplice: da un lato gli studenti della classe di musica antica – canto rinascimentale e barocco, clavicembalo e liuto – porteranno gli ascoltatori ad immergersi completamente nel periodo storico del dipinto, proponendo musiche del tempo ispirate dai testi poetici che narrano i temi dell’Arcadia, della vanitas, delle passioni dell’uomo e della follia (sezione antica); dall’altro lato uno studente di composizione presenterà una propria partitura eseguita da due studenti di flauto ed uno di violino quale rielaborazione in chiave contemporanea dei temi esposti nel dipinto (brano contemporaneo).

 

La prima parte del concerto è dunque dedicata alla musica antica, ed è a cura delle Classi di Canto rinascimentale e barocco (prof.ssa Gloria Banditelli), di Clavicembalo (prof.ssa Marina Scaioli), di Liuto (prof. Simone Vallerotonda), di Viola da gamba (prof. Perikli Pite).

I brani scelti sono i seguenti: Che giova posseder di Giaches De Wert (1535-1596), Voi ch’ascoltate, Tutto il dì piango, Io son nel duol sì vinta di Sigismondo d’India (1582-1629), Folle cor di Domenico Mazzocchi (1592-1665), Oscure selve di Girolamo Frescobaldi (1583-1643), Filli mirando il cielo, Vaga su spina ascosa di Giulio Caccini (1551-1618), Su su su pastorelli vezzosi di Claudio Monteverdi (1567-1643).

Partecipano l’Ensemble vocale e strumentale di musica antica del Conservatorio, Marco Ciatto, Alessandro Guerrieri, Federica De Marco, Ester Ferraro, Maryfé Singy, He Jiangchen, Naoko Tanigaki, Doralice Minghetti, Luca Faraci e Perikli Pite.

 

La seconda parte del concerto, dedicata al brano contemporaneo, prevede l’esecuzione della partitura di Mattia Novelli, intitolata Et in Arcadia Ego, eseguita da Francesca Contò e Stefano Sadè (flauto) insieme a Guglielmo Ghidoli (violino).

 

Il concerto è preceduto da un’introduzione alla tela di Guercino a cura di Federico Fischetti, curatore delle Gallerie Estensi.

L’evento sarà accessibile in diretta streaming dall’account Facebook delle Gallerie Estensi.

  

Quando